Lavorare con Tossicodipendenti

Lavorare con i tossicodipendenti significa assistere persone affette da problemi legati alla droga.

Si tratta dunque di una professione che ha a che fare con soggetti spesso fragili e in difficoltà, che soffrono per fenomeni di esclusione sociale o per problematiche di natura fisica e mentale.
Per affrontare queste situazioni particolarmente complesse è quindi necessario essere in possesso sia di una giusta attitudine che di una corretta formazione.

L’operatore specializzato in questo settore dovrà essere in grado di svolgere numerosi compiti. I principali sono prestare aiuto ai soggetti incapaci di prendersi cura di sé a causa della dipendenza; collaborare con le altre figure professionali in modo da creare un clima positivo e adatto per il recupero del paziente; organizzare e gestire le attività ricreativo-culturali e occupazionali per il corretto reinserimento in società del soggetto; instaurare rapporti fruttuosi con la famiglia e con il contesto in cui il paziente si trova a vivere.

Questo professionista, inoltre, ha il compito di prestare sostegno nelle varie attività quotidiane, come accompagnare la persona dal medico, curare l’abitazione e preparare i pasti.
Chi vuole lavorare con i tossicodipendenti può trovare sbocchi in numerose strutture, come le Asl, i centri di accoglienza, le comunità terapeutiche, i servizi comunali, le associazioni di volontariato e del terzo settore e le comunità di reinserimento.

Per lavorare con i tossicodipendenti occorre coniugare doti relazionali e umane con una approfondita formazione specializzata nel settore. In generale, i professionisti dovranno conoscere tematiche legate alla psicologia e alla sociologia, soprattutto in riferimento all’area sanitaria e sociale. Naturalmente le conoscenze vanno accompagnate da una spiccata capacità di agire con attenzione, delicatezza, buonumore e, quando serve, mano ferma.